News

Novembre 2018

La storia di Progetto Fuoco inizia nel 2004 quando Roberto Vinti, in stretta collaborazione con Gabriele Biagioni ed Orietta Rossi, decide di avviare un’attività di vendita e montaggio di termocamini a legna.
Negli anni l’azienda è cresciuta ed ha ampliato la propria offerta grazie all’impegno quotidiano ed alla passione smisurata, tanto da essere oggi riconosciuta nel mercato come garanzia di serietà e qualità.
Affidarsi a Progetto Fuoco vuol dire scegliere mani esperte ed avere la certezza di essere seguiti in ogni fase, dal sopralluogo al montaggio con successivo collaudo finale.
L’azienda offre al cliente anche il servizio assistenza, per qualsiasi necessità, problema o semplicemente dubbio, mette a disposizione i propri tecnici specializzati. Progetto Fuoco si impegna a trecentosessanta gradi per soddisfare i clienti, infatti, un altro aspetto di assoluta rilevanza è il Conto Termico 2.0.
L’azienda cura giorno dopo giorno partnership importanti che le consentono di offrire al cliente un rimborso fino al 65% a mezzo bonifico.
Abbiamo incontrato il titolare Roberto Vinti il quale, oltre ripercorrere le tappe fondamentali della vita di Progetto Fuoco, ci spiega nei dettagli le modalità di accesso al Conto Termico 2.0.
L'intervista

Roberto, come è nata l’idea di aprire un’attività di commercializzazione ed installazione di stufe a pellet, termocamini e caldaie a biomassa per il riscaldamento domestico?

“Gabriele Biagioni, Orietta Rossi ed io lavoriamo insieme praticamente da sempre, nel senso che prima di metterci in proprio e fondare Progetto Fuoco eravamo dipendenti presso una ditta idraulica, ci occupavamo di impianti di riscaldamento, per cui, forti dell’esperienza maturata abbiamo deciso di compiere questo importante passo”.

Che evoluzione ha avuto nel corso degli anni l’offerta di Progetto Fuoco?

“Abbiamo iniziato con l’installazione dei termocamini a legna, poi nel giro di due anni si è integrato con termocamini a doppia combustione legna-pellet, successivamente sono state aggiunte le caldaie da locale tecnico. Al momento della partenza questi erano i nostri prodotti di punta, montavamo anche qualche stufa legna-pellet ma all’epoca erano ancora agli albori. Ci tengo a sottolineare che noi siamo fortemente specializzati nella doppia combustione legna-pellet. Sin dall’inizio ci siamo distinti per il servizio assistenza che offriamo al cliente, chi viene da noi è certo di essere seguito in ogni momento, sopralluogo, montaggio, collaudo ed assistenza tecnica post installazione qualora ci fossero problemi di qualsiasi natura. Il nostro motto è sempre stato noi amiamo seguire il cliente. Da lì a poco tempo l’azienda ha preso quota e si è contornata dei migliori marchi di stufe e camini presenti sul mercato italiano offrendo così al cliente prodotti di indiscussa qualità”.

Cosa è possibile trovare oggi da voi?

“Nel corso degli anni ci siamo specializzati nei prodotti idro, camini e stufe che oltre a riscaldare l’ambiente scaldano anche l’acqua. Oggi la nostra offerta comprende: termocamini, termostufe, boiler, caldaie, pannelli solari. Proponiamo pure impianti completi di pannelli solari, bollitore e termostufa. La grande attenzione alle esigenze dei nostri clienti ci ha portato a creare prodotti sempre più performanti e facili da utilizzare, infatti, tutte le macchine che vendiamo sono autopulenti, per cui non c’è più bisogno ogni mattina di raccogliere la cenere prodotta, è sufficiente farlo circa una volta a settimana. Una buona parte delle macchine che si trovano qui sono realizzate esclusivamente per noi dai nostri fornitori di fiducia. Abbiamo ampliato il parco dei servizi con la pulizia della stufa e della canna fumaria, alla luce di questa evoluzione posso affermare che il servizio è completo al cento per cento. Ci siamo attrezzati anche per lo scarico del prodotto ai piani superiori al primo ed abbiamo stretto collaborazioni con idraulici della zona per le installazioni. ”.

Roberto ci spieghi cos’è il conto termico 2.0.

“È un incentivo elargito dal GSE (Gestore Servizi Energetici) il quale prevede l’erogazione di un contributo economico per la nuova installazione di stufe, termocamini e caldaie a biomassa che rispettino alcuni parametri e che siano installati come sostituzione di un vecchio impianto di riscaldamento. Pensiamo a tutto noi: pratiche, smaltimento del vecchio ed installazione del nuovo.

Il contributo, che può arrivare ad una soglia massima del 65% della spesa per la nuova macchina, varia a seconda: della potenza dell’impianto, delle emissioni di polveri sottili rilasciate e della zona climatica in cui sarà installato il prodotto”.

Come avviene il rimborso?  

“Il cliente paga a mezzo bonifico l’acquisto ed installazione del nuovo prodotto poi, entro massimo sei mesi, riceverà da GSE l’incentivo che gli spetta”.

Quali interventi beneficiano del conto termico 2.0?

“La sostituzione di impianti alimentati a legna, pellet e gasolio, nel caso di azienda agricola anche a gas e GPL, con generatori ad alta efficienza energetica”.

Progetto Fuoco ha compiuto un ulteriore passo avanti con l’introduzione della cessione del credito, di cosa si tratta?

“Il cliente con quest’opzione cede a noi l’incentivo che deve riprendere, nel senso che lui pagherà direttamente la differenza tra l’ammontare della spesa ed il contributo, poi quando GSE elargirà la somma la incasseremo noi. In questo modo il cliente non deve aspettare mesi per riavere i soldi”.

L'Umbria verde di Giada

ottobre 2018